Logotipo de Petición Pública España
Vista la Recogida de Firmas Apoya este Recogida de Firmas. Suscríbase y divulgue. Su apoyo es muy importante.

Con il popolo catalano, per il diritto all’autodeterminazione

Para: gbpresident.presidencia@gencat.cat, presidencia@parlament.cat, oficina.presidencia@parlament.cat, conseller.romeva@gencat.cat

Con il popolo catalano, per il diritto all’autodeterminazione
Il popolo catalano e le istituzioni che lo rappresentano stanno vivendo in queste settimane il momento più importante della loro storia recente. La richiesta di autogoverno, sostenuta dalla società in modo pacifico e democratico, si traduce in una proposta semplice e chiara: sentiamo le voci di tutti i cittadini, facciamo un referendum inequivoco, che consenta ai catalani di decidere sul proprio futuro. Il governo del Regno di Spagna ha chiuso tutte le porte a questa possibilità, trincerandosi dietro il dettato della legge. Questa chiusura categorica, e l’assenza di qualunque proposta alternativa per dare uno sbocco al conflitto, ha avuto come unico risultato quello di rafforzare l’anelito alla libertà del popolo catalano. Per questa strada, si è giunti al punto più alto del conflitto istituzionale, che vede contrapposte due legalità: una che emana dalla legge e dai poteri costituiti e una che emana dalla sovranità del popolo e dai poteri costituenti. Il Parlamento catalano ha approvato due leggi che la legge spagnola considera illegali. L’ha fatto per difendere un diritto inalienabile di qualunque popolo: quello di decidere il proprio futuro. Stiamo assistendo allo scontro finale tra un uso della legge per reprimere e zittire, e un altro per permettere di esprimersi e determinare le proprie sorti. Sarà una lotta il cui esito verrà deciso dal popolo, e non dai governi, dai loro tribunali e dalle loro polizie.
Come sardi, guardiamo alle vicende della Catalogna con ammirazione e rispetto; di più: ci sentiamo coinvolti nella loro lotta, perché sappiamo che, prima o poi, sarà anche la nostra. E sappiamo che il loro cammino apre una strada che anche il nostro popolo vuole percorrere, quando sentirà di avere le forze per affrontarne tutte le difficoltà. Perché gli Stati, e le forze del mercato che li dominano, faranno tutto il possibile per impedirlo. A loro e a noi. Useranno la legalità come un’arma per ostacolare perfino l’idea che un popolo possa essere sovrano nelle sue decisioni, o che ci sia qualcosa su cui possa decidere senza sottostare al volere di poteri più alti. E dopo la legalità, faranno uso della violenza, di cui detengono il monopolio. Lo faranno in nome della libertà e della democrazia, senza alcun pudore, e molti forse cadranno nell’inganno.
Per questo noi oggi vogliamo mandare al popolo catalano e alle sue istituzioni un messaggio di affetto, di appoggio, di solidarietà e di riconoscimento: noi capiamo i motivi per cui avete scelto di disubbidire al Regno di Spagna, per ascoltare la vostra comunità e per difendere il suo diritto inalienabile a scegliere, se lo vorranno, il progetto di una Repubblica catalana. Noi ammiriamo la determinazione e la serenità con cui state portando avanti questa lotta impari, e tifiamo per voi, per il popolo libero. Da voi vogliamo imparare questa capacità di raggiungere accordi tra diversi, questo straordinario spirito di organizzazione, e soprattutto il modo in cui siete stati capaci di coinvolgere persone di ogni età, di ogni condizione, in tutti i paesi e città, in qualunque contesto professionale, culturale, sportivo, economico, educativo. Avete messo al centro del vostro progetto la diversità e la capacità di accoglienza, che sono diventate il vostro senso di autostima: centrato nella comunità e non nell’individuo. Sappiamo che questo è il cammino giusto da seguire. Se per il successo del vostro percorso può essere utile il riconoscimento e la stima del popolo sardo, ecco che le nostre firme, sia di persone che di organizzazioni culturali, civiche e politiche, sono qui per testimoniare che non siete soli. Da questa sponda del Mediterraneo, vi seguiamo con interesse e con passione, e faremo tutto il possibile per non lasciarvi soli nella difficoltà; e alla fine del procés, gioiremo con voi se il vostro viaggio arriva a buon porto.
Visca Catalunya i el poble català, lliures!
...

Questo manifesto è aperto a ogni tipo di adesioni. Le prime sono queste:
Stefano Puddu Crespellani, Marta Onnis Deidda, Davide Corriga Sanna, Pier Franco Devias, Anthony Muroni, Giagu Ledda, Omar Onnis, Alessandro Mongili, Giuseppe Mariano Delogu, Giacomo Meloni, Nicolò Migheli, Roberto Mirasola, Rossella Fadda, Massimo Dadea, Marco Meloni, Ivo Murgia, Cristiano Sabino, Fabio Usala, Michele Atzori...

...

Cun su pòpulu catalanu, pro su deretu a s'autodeterminatzione

Su pòpulu catalanu e sas istitutziones chi lu rapresentant sunt bivende in custas chidas su momentu prus importante de s'istòria issoro reghente. Sa rechesta de autoguvernu, sustènnida dae sa sotziedade a manera patzìfica e democràtica, si traduit in una proposta crara e simple: ascurtemus sa boghe de totu sos tzitadinos, faghimus unu referendum incuntestàbile, chi permitat a sos catalanos de detzìdere su benidore issoro. Su guvernu de su Regnu de Ispagna at serradu totu sas ghennas a custa possibilidade, trintzerende·si a in segus de sa lege. Custa tancadura categòrica e s'ausèntzia de cale si siat proposta alternativa pro dare un'essida a sa cuntierra, at otentu petzi s'afortiamentu de sos disìgios de libertade de su pòpulu catalanu. Sighende custu caminu, semus arrividos a su puntu prus artu de sa cuntierra istitutzionale, chi bidet due legalidades contrapostas: una chi emanat dae sa lege e dae sos poderes costituidos e un'àtera chi emanat dae sa soberania de su pòpulu e de sos poderes costituentes. Su Parlamentu catalanu at aprovadu duas leges cunsideradas illegales dae sa lege ispagnola. L'at fatu pro defensare unu deretu inviolàbile de cale si siat pòpulu: su de detzìdere su benidore suo. Semus assistende a un'atapada finale intre un'impreu de sa lege pro oprìmere e fàghere callare, e un'àteru pro permìtere de si espressare e detzidere sa sorte pròpia. At a èssere una cuntierra chi at a detzìdere su pòpulu, e non sos guvernos, sos tribunales o sas politzias issoro.
Comente sardos, abbaidamus a sos fatos de sa Catalugna cun ammiru e rispetu; nos sentimus, in prus, partìtzipes in sa cuntierra issoro, ca ischimus chi cando at a bènnere s'ora sua at a èssere fintzas sa nostra. E ischimus chi su caminu issoro nd'aberit unu chi fintzas su pòpulu nostru cheret sighire, cando at a sentire de tènnere sas fortzas pro parare fronte a totu sas dificultades. Ca sos Istados e sas fortzas de s'economia chi los dòminat ant a fàghere totu su chi podent pro l'impèdire. A issos e a nois. Ant a impreare sa legalidade comente un'arma pro pònnere impèigos fintzas a s'idea chi unu pòpulu podat èssere soberanu in sas detzisiones suas, o chi podat detzìdere sena èssere sutapostu a sos cumandos de sos poderios prus artos. A pustis de sa legalidade ant a impreare sa violèntzia, chi nde detenent su monopòliu. L'ant a fàghere a nùmene de sa libertade e de sa democratzia, sena birgòngia peruna, e gente meda forsis at a rùere in sa trampa.
Est pro custu chi nois oe cherimus imbiare a su pòpulu catalanu e a sas istitutziones suas unu messàgiu de afetu, de apògiu, de solidariedade e de reconnoschimentu: nois cumprendimus sos motivos chi bos ant giutu a disubbidire a su Regnu de Ispagna, pro ascurtare sa gente bostra e pro defensare su deretu inviolàbile a isseberare, si lu cheret, su progetu de una Repùblica catalana. Nois ammiramus sa determinatzione e sa serenidade chi tenides sighende in custa cuntierra disuguale e semus dae sa parte bostra, pro su pòpulu lìberu. Cherimus imparare dae bois sa capatzidade chi tenides de resèssere a bos acordare cun gente diferente, s'ispìritu istraordinàriu de organizatzione e mescamente sa manera chi tenides de interessare pessones de ogni edade, de ogni cunditzione, in totu sas biddas e tzitades, de ogni cuntestu professionale, culturale, isportivu, econòmicu, educativu. Ais postu in su tzentru de su progetu bostru sa diversidade e sa capatzidade de acasagiamentu, chi sunt divènnidas su sentidu bostru de autoistima: fundamentadu in sa comunidade e non in s'individuu. Ischimus chi custu est su caminu giustu a sighire. Si pro sa resèssida de su caminu bostru podet èssere ùtile su reconnoschimentu e s'istima de su pòpulu sardu, inoghe tenides sas firmas nostras, siat de pessones siat de organizatziones culturales, tziviles e polìticas, firmas chi testimòniant chi non seis a sa sola. Dae custa ala de su Mediterràneu bos semus sighende cun interessamentu e cun passione, e amus a fàghere su chi podimus pro non bos lassare solos in sa dificultade; e acabadu su procés, nos amus a allegrare cun bois si su biàgiu bostru finit bene.

Visca Catalunya i el poble català, lliures!
Bivat Catalugna e su pòpulu catalanu, lìberos!

(trad. Giagu Ledda)


¿Cuál es su opinión?
Esta recogida de firmas se encuentra en el sitio web Petición Pública España que proporciona alojamiento online gratuito para recogidas de firmas públicas. Si usted tiene una pregunta para el autor de la petición puede enviar a través de esta página de Contactar Autor
Ya Firmado
283 Personas

Su apoyo es muy importante. Apoye esta causa. Firma la recogida de firmas.